Lettera del Presidente del 31 marzo

Coronavirus
alex-shutin-kKvQJ6rK6S4-unsplash

Carissimi genitori,

come promesso eccomi a Voi con una nuova comunicazione.

Come era prevedibile, le scuole non potranno riaprire il 3 aprile in quanto permane una situazione di estrema criticità a livello sanitario sia all’interno della nostra Regione che più in generale dell’Italia intera; a tutt’oggi i numeri delle persone contagiate da COVID-19 non accennano a diminuire e a ciascuno di noi è chiesto di restare saldi nella responsabilità personale e collettiva.

Continuiamo quindi a restare tutti a casa mantenendo i rapporti online con le nostre maestre che, per quanto possibile, si stanno prodigando con generosità e fantasia per restare accanto ai vostri bambini pur dentro una situazione difficilissima e mai sperimentata prima.

È evidente che questa emergenza sta provocando danni non solo a livello sanitario, ma più in generale anche a livello economico e noi dobbiamo batterci con tutti i mezzi che abbiamo per far sì che la nostra scuola e tutte le scuole paritarie possano avere adeguati sostegni economici-finanziari per garantire la possibilità di ripresa della propria attività, che ci auguriamo per tutti, possa avvenire quanto prima.

Vi chiedo dunque di mantenere con ogni mezzo vivo l’affetto e la dedizione alla nostra scuola, fattore questo che reputo tanto importante e fondamentale non solo per i vostri bambini e per la vostra famiglia ma per la Comunità intera.

A me e al CdA spetta l’onere difficile e gravoso, di analizzare i dati della situazione per poter attraversare questo mare in tempesta senza far affondare la barca.

È proprio per questo che attraverso FISM che ci rappresenta ai tavoli regionali e nazionali, stiamo facendo ogni sforzo per ottenere riconoscimenti su tutti i fronti: cassa integrazione per il personale ed eventuali abbattimenti di altri oneri.

Alla luce dei provvedimenti di sostegno già noti, dovendo comunque assicurare la sostenibilità economica della nostra scuola che come noto è no profit, valutiamo al momento possibile una riduzione dei proventi delle rette attorno al 60%. Pertanto per il mese di marzo ed aprile vi chiediamo di versare un contributo-retta di € 80,00/mese (sia per gli iscritti al Nido che alla Materna). Sarà sospeso per questo periodo di chiusura della scuola il pagamento di tutti i servizi complementari (pre/post scuola) e dei laboratori, con conguaglio degli importi per coloro che avessero già versato le quote.

Resta inteso che nel caso dovessimo ottenere ulteriori aiuti e/o benefici,  saremo pronti a rendervi partecipi degli eventuali proventi conguagliando in proporzione le rette pagate e quelle a venire.

Vi ringrazio per la disponibilità che avete mostrato fino ad oggi nel sostenere la nostra Scuola e mi auguro con tutto il cuore che voi e tutti i vostri cari stiate bene.

Noi continuiamo a pregare in famiglia, unendoci alle fatiche di chi è ammalato, al dolore di chi ha perso persone care e, nell’affidarci, chiediamo di poter tornare il prima possibile a vivere in pienezza la bellezza del percorso della nostra Scuola.

Auspicando la vostra comprensione e condivisione per quanto esposto, colgo l’occasione per porgere i più cordiali saluti.

Il Presidente
(Claudio Antonio Finotto)

Torna su